Progetto Folle: cos’è

Dalla prefazione di “Nel settimo cerchio” di Matteo Baldi, Laura Pacchioni, Ilaria Siddi

È iniziato tutto con un’idea folle: mettere insieme scrittori che, come in una staffetta, scrivessero a turno una parte di storia, fino a creare un libro intero. Fin qui, niente di eclatante. Ma Laura ha voluto che gli autori non si confrontassero tra di loro per lo svolgimento della storia. Sacrilegio! Prima di scrivere un libro, bisogna preparare un canovaccio, una trama, sapere da dove si inizia e dove si vuole andare a parare, cosa si vuole comunicare. Il rischio altrimenti è di essere come una barca in mezzo al mare senza timone, in balìa del vento. Servivano quindi persone abbastanza folli da assecondare l’idea del progetto folle. Alla base delle collaborazioni, ci deve essere sempre la stima reciproca. Matteo è stata la prima scelta, che si è poi rivelata un’ottima scelta. Infatti, in quattro e quattr’otto, ha buttato giù un inizio storia da far saltare le persone dalla poltrona, un inizio col botto, che richiedeva mani esperte per continuare, mantenere alto lo stile e il tasso di adrenalina. Non era stato deciso nemmeno un genere: era solo stato proposto che la storia si svolgesse ai giorni nostri. Matteo ha quindi iniziato di suo gusto, con un dramma dalle note molto dark. Ilaria è arrivata come una salvezza: a progetto già iniziato, quando altri volontari semi-folli languivano e si ritiravano. Ha infuso nuova energia, donando sensibilità e competenza, immergendosi nel progetto con entusiasmo.

(…)

E come per magia è nato: il romanzo creato da tre persone con vissuti, età, modi di scrivere e di pensare differenti che con determinazione hanno creduto nel progetto fino in fondo, fino a che la storia non ha preso una forma concreta e la voglia di tornare a sognare ha fatto tutto il resto.

 Il percorso è stato un saliscendi di emozioni che alla fine ha portato gli autori al tanto sospirato traguardo.

Per portare a termine un lavoro del genere ci vuole determinazione, costanza, spirito di squadra, pazienza ma soprattutto la voglia di mettersi in gioco e confrontarsi con idee diverse.

Come diceva qualcuno:

«Non sopravvive il più intelligente o il più forte; sopravvive chi è in grado di adattarsi e di adeguarsi meglio ai cambiamenti.»

DISPONIBILE SOLO SU AMAZON, CARTACEO € 9.90, EBOOK € 1.99, GRATUITO CON KINDLE UNLIMITED

Copertina originale realizzata da Danilo Cinelli