Autori self… Self authors

BLOG 3103-1

ENGLISH BELOW!!!

C’è tutto un mondo… di autori emergenti là fuori: alcuni hanno trovato piccolo case editrici che però li promuovono poco, altri hanno auto-pubblicato, come me. Ormai tutti possiamo avere una voce, attraverso i social, internet, ci sono svariati modi per scrivere ed esprimersi. Il mondo dell’editoria sta quasi andando a rotoli, le librerie sono piene di libri con copertine patinate e accattivanti, grandi nomi, begli scaffali ordinati. Quindi, perchè dovrei comprare il libro di uno sconosciuto che magari ha pure auto pubblicato? Se nessuna casa editrice crede in lui, perchè dovrei farlo io?

Dopo aver letto l’ennesimo libro dove una ragazza vergine si innamora di uno uomo ricco più grande di lei(e non sto parlando delle 50 sfumature), negli ultimi mesi sto leggendo solo libri auto-pubblicati e una mezza risposta ve la posso dare: sono autentici, originalissimi, scritti con passione, fame. I libri che arrivano in libreria passano attraverso le revisioni, editing, correzioni. Diciamo che sono “politicamente corretti”, senza una virgola fuori posto. I nostri libri sono autentici, a volte grezzi, nel senso che sono come un giovanotto sfrontato che crede di saper tutto nella vita e fa un pò lo sbruffone. Di quelli che ci si innamora appunto per la loro spontaneità. Non abbiamo filtri da casa editrice, facciamo innamorare un sacco di gente, facciamo morire un sacco di gente nei nostri libri, li scriviamo sentendoci liberi: io scrivo così, spero di piacere al mondo ma se non dovesse succedere fa lo stesso, io ho detto la mia esattamente come volevo.

Ce n’è per tutti I gusti: fantasy, romance, distopici, fantascienza, davvero di tutto, e vi do anche alcuni nomi, poi sta a voi venire a scovarci, cercando magari su Instagram gli # corretti come autoriemergenti, nuoviautori, selfpublishing, amazonbooks e così via.

C’è una ragazza di nome Elisa Mura molto prolifica, ha già scritto 4 libri, al momento ne ho letti due e sono ben scritti, con personaggi ben definiti, libri simpatici, scorrevoli, una buona dose di humour, a volte anche scritti dopo aver fatto ricerche storiche. Super consigliata per tutti.

C’è un ragazzo (uomo direi) di nome Matteo Baldi che fa fare cose ai suoi personaggi che ti lasciano sempre perplessa: è giusto o sbagliato? Tengo per lui o no? Libri che suscitano domande, ecco di cosa abbiamo bisogno e lui lo fa. “Noi due per sempre” è un romance (anche se è molto di più) che si meriterebbe un altro titolo, perchè è un libro che mi ha folgorata, non è la solita storia d’amore ma molto di più. Scorretto, sempre in bilico, quasi thriller, di quei libri che ti fanno venire la tachicardia, piangere, ridere.

Monia Scott ha scritto invece di una storia d’amore ambientata nel futuro su di un pianeta lontano. Ho iniziato a leggerlo scettica. In due giorni l’ho finito, entusiasta! “Nei pensieri del nemico” è ben scritto, ben architettato per tenerti col fiato sospeso, e la psicologia dei personaggi, dei loro pensieri, le loro mosse, è qualcosa di meraviglioso. A volte ti dimentichi di essere perso nello spazio perchè i personaggi sono veri, reali, ti ci affezioni immediatamente e quando finisce il libro sei triste per doverli lasciare.

Ilari Siddi ha scritto “Prigioniera dei sogni” iniziando dalla vita reale, da un episodio traumatico in seguito a un episodio di bullismo. Alla pagina 40 avevo già pianto cinque volte… per me quello è un parametro, sia per libri che per film, di quanto mi stia piacendo: più piango più mi piace! Poi l’ambientazione cambia e diventa un fantasy.

Al momento sto leggendo “Alice” di Elsa Hysteria: sono a pagina 70 e non riesco a metterlo giù, le tematiche sono fresche, attuali, scritto in modo fluido. Tutti gli autori che ho citato hanno scritto libri che starebbero benissimo sugli scaffali di una libreria, sono migliori di molti libri con editore che ho letto, e meritano quindi di una possibilità da parte del mondo.

La mia “Neness” si inserisce bene in questo contesto: I suoi personaggi bevono, a volte troppo, amano, anche qui a volte troppo o in modo sbagliato, ma sono veri, hanno cuore e anima, ecco perchè I lettori si appassionano nel leggerlo. Nel mio libro, come in quello di Monia e di Elsa, ci sono riferimenti musicali ad accompagnare la lettura, la musica è la nostra Colonna Sonora quotidiana. Nel mio ci sono anche tanti spunti per bere un ottimo calice di vino, per scoprire la Londra nascosta e non turistica.

Ora tocca a voi andare a scovare gli autori indipendenti, cercateli, leggeteli, promuoveteli! Verrà un giorno, non troppo lontano, in cui saremo noi I veri autori, non più di serie B o C. Ci stiamo unendo per creare eventi per farci conoscere e diffondere I nostri libri, per promuoverci perchè chi più di noi crede in noi e nel nostro lavoro? C’è una rivoluzione in corso, e noi ne facciamo parte.

 

There’s a whole world of new authors out there: some of them found a small publishing house, some others self-published like me. Everybody has a voice now, through social media, internet, so many ways to write and express ourselves. Publishing houses are going through a crisis moment, bookshops are full of books with captivating covers, big names, neat shelves. So why should I buy a book of an unknown writer, maybe without a publishing house? Why should I believe in him if no editor believed in him?

After reading another book where a virgin falls in love with and older and rich man, (and I’m not talking about the 50 shades), I am now only reading self-published books and I have my theory: these books are real, original, written with passion and hunger. The books on the shelves have gone through editing, corrections, they are “politically correct”. Our books are real, sometimes rough, like a young boldly guy with self-confidence, a bit cocky. So spontaneous you fall in love with him right away. We don’t have filters, many people fall in love in our books, many people die in our books, we freely write our books: this is the way I write, I hope the world will like it, and if not, I did it my way.

I am reading self published books in Italian, thos are not transalted in English but I am sure you will find many self published authors in your language, Go find them! I translated my book, “Neness” in English. The characters of my book drink too much, love too much, or love the wrong ones, but they are real, they have heart and soul, that’s why it’s so easy rooting for them.   In my book there are many “song of the day”, they’re like  the soundtrack of our life.

I dream of a future where self-published authors are as important as the other ones, and that day is not far. A revolution is about to start and I am part of it.