Codici di vita: musica e profumi Life codes: music and perfumes

English below!x sito

Penso che musica e profumi siano degli ottimi conduttori di emozioni, i migliori direi insieme alle immagini. E’ provato che le canzoni che abbiamo ascoltato durante l’adolescenza rimarranno sempre nel nostro cuore, e canzoni che abbiamo ascoltato in loop in un determinato momento della nostra vita ci riporteranno esattamente là quando le riascolteremo negli anni a venire. Una fotografia è più immediata, rivedi luoghi o volti di persone care, mentre una canzone, una musica è un mezzo più sottile, delicato, introspettivo, commovente. In macchina ascolto la radio, per farmi sorprendere dalla programmazione, e spesso mi sono ritrovata con le lacrime agli occhi ascoltando inaspettatamente una vecchia canzone oppure un pezzo legato a un particolare momento. Ognuno di noi ha la propria colonna sonora personale: la musica è un mezzo salvavita eccellente.

I profumi rientrano in questa categoria: in primavera, quando il profumo del gelsomino invade le nostre narici prepotentemente, la mente va a ripescare ricordi, luoghi, persone. E’ davvero affascinante il modo in cui lavora la mente. Il profumo del caffè al mattino odora di casa, l’amarognolo della grigliata ti riporta alle scampagnate con gli amici, le lasagne odorano di domenica in famiglia, una crema profumata ti regala l’immagine di un’amica che non vedi da tempo. Il profumo del vino in un calice è una cosa a sè, per ogni tipologia di vino, spumante, bianco, rosè o rosso, si possono collegare momenti, stagioni diverse, occasioni, per non parlare di determinati liquori. Il profumo del Frangelico mi riporta immediatamente in un ristorante dove avevo lavorato vent’anni fa, l’amaretto invece mi catapulta in un locale di Frith street, nel quartiere di Soho a Londra.

Musica e profumi sono ben presenti nel mio libro, “Neness”: i capitoli e alcuni paragrafi si aprono con la “Song of the day”, e ultimamente ho aggiunto anche il codice qr che porta il lettore al video della canzone in questione. Nei primi capitoli ci sono solo pezzi inglesi, mentre da circa metà libro in avanti, compaiono anche pezzi americani: è stata una scelta, la musica viaggia insieme ai sentimenti della protagonista. Non potrei fare a meno della musica, per questo è così importante nel mio libro. Non posso inserire anche i profumi tra le pagine… non ancora…!!!!

I believe music and perfumes are excellent emotions conductors, the best I would say, along with images. It is proved that we’ll always keep in our hearts the music we used to listen when we were teen agers, and songs that we were listening in loop in a specific moment of our life will always take us back there. A photograph has more impact, you actually see places and faces, while music is more subtle, delicate, introspective, moving. While I drive I prefer to listen to the radio to be surprised, and often I find myself crying over an unexpected old song. Each one of us has its personal soundtrack: music is an excellent life saver.

Perfumes work in the same way: in springtime, when jasmine overwhelms us, our mind goes back to memories, places, people. Mind is really fascinating. The scent of coffee in the morning means home, the bitterness of the barbecue means friends, lasagne smell like a family Sunday, a body lotion brings back the memory of a long seen friend. The perfume of the wine in the glass has its own way of working, depending on the category, sparkling, white, rosè or red, you can connect moments, seasons, facts, as well as liquors. Frangelico brings me to a restaurant I used to work in twenty years ago, amaretto throws me in a bar in Frith Steet, Soho, London.

Music and perfumes are an important presence in my book, “Neness”: chapters open with the song of the day and lately I added the QR code that brings the reader to the video of the song. In the first chapters there are just English songs, then also American songs are featured: this is my choice, music changes with the main character attitude.

I couldn’t live without music, that’s why it’s so important in my book. I couldn’t feature perfumes in the pages….not yet…!!!